Immigrati pretendono di viaggiare gratis in prima classe!


Senza acquistare i biglietti, i due sono saliti a Termoli su un Frecciabianca diretto a Pescara e si sono sistemati tranquillamente in prima classe. All’arrivo del capotreno e alla richiesta di mostrare il biglietto, con strafottenza, hanno fatto presente con che non solo non l’avevano, ma che non erano neppure intenzionati ad acquistarlo in quanto non ritenevano giusto pagare la sovrattassa.

In tasca alla stazione si è poi scoperto avevano diverse centinaia di euro, almeno 300 euro a testa.

Arrivati alla stazione di Vasto, il capotreno li ha pertanto invitati a scendere, ma loro hanno continuato a sbraitare e inveire. Sono stati, quindi, segnalati alla polizia ferroviaria e giunti a Pescara sono stati bloccati.

Al personale della Polfer hanno sottolineato che non ritenevano giusto pagare la sovrattassa per il biglietto e che non sapevano che il capotreno è un pubblico ufficiale.

Se lo fai tu :  chi non pagherà  la multa per non aver acquistato il biglietto dell’autobus, dellametropolitana o del treno regionale si vedrà arrivare a casa una cartella di pagamento notificata da Equitalia: non importa che si tratti di piccole somme. A prevederlo è un emendamento dal decreto Enti Locali che sta per essere votato in Parlamento.

In buona sostanza, si consente anche alle aziende che fanno Trasporto Pubblico Locale (cosiddetto Tpl) di iscrivere a ruolo gli importi non riscossi, al pari di qualsiasi altri ente pubblico come l’Inps, l’Agenzia delle Entrate o la Regione. Condividi e diffondi

 

Se vuoi vedere i nostri VIDEO clicca QUI

loading…


Fonte Messaggero