BERLUSCONI OPERATO, ECCO COME E’ ANDATO IL DELICATO INTERVENTO A CUORE APERTO


[ad_1]

“In sala operatoria – fanno sapere fonti dell’ospedale – non ci sono state complicazioni”. Ora l’ex premier sarà trasferito in terapia intensiva.

L’operazione a cuore aperto eseguita dal professor Ottavio Alfieri, primario dell’Unità operativa di Cardiochirurgia dell’Irccs di via Olgettina, con la sua équipe, insieme al professor Alberto Zangrillo, primario dell’Uo di Anestesia e Rianimazione generale e di Anestesia e Rianimazione cardio-toraco-vascolare, medico personale dell’ex premier è durata circa quattro ore. Poco prima che iniziasse, da una finestra del sesto piano del padiglione del San Raffaele, dove è ricoverato Berlusconi, si è affacciata brevemente Francesca Pascale. A quanto si è potuto vedere grazie agli obiettivi dei fotografi, la compagna dell’ex premier era commossa, come se si stesse asciugando delle lacrime. “Sono naturalmente preoccupato – ha scritto ieri il leader di Forza Italia – ma sono stato molto confortato dalle tantissime dimostrazioni di stima, di sostegno e di affetto che mi sono pervenute da ogni parte, anche dai cosiddetti avversari politici. Che bella un’Italia così, in cui tutti si vogliono bene”.

Poco prima delle 8 di questa mattina Berlusconi è stato portato nella sala operatoria del San Raffaele per la sostituzione della valvola aortica. Intervento necessario per risolvere quella grave insufficienza, che gli ha fatto rischiare la vita, come ha spiegato lo stesso Zangrillo. Il 58enne medico di fiducia del Cavaliere coadiuverà l’equipe, ma a eseguire l’intervento sarà il professor Alfieri, 69enne primario di cardiochirurgia la cui esperienza e il cui curriculum sono riconosciuti in tutto il mondo.

 

 

 

FONTE

IL GIORNALE

 

[ad_2]

fonte GC…..

Lascia un commento