Violenza antifascista: estremisti di sinistra riducono in fin di vita uno studente di destra


[ad_1]

Un gruppo di estremisti di sinistra ha riconosciuto un ragazzo di destra per le strade e lo hanno aggredito, massacrandolo di botte.

Succede in Germania, nella cittadina di Goettinge, dove gli autonomi hanno uno dei loro quartier generali più attivi e violenti del Paese.

Secondo quanto ricostruito dalla Polizia, la vittima è un ragazzo di 29 anni appartenente ad un gruppo di studenti di destra. Mentre passeggiava per strada insieme a due amiche, di 21 e 27 anni, è stato riconosciuto da un gruppo di estremisti di sinistra, probabilmente a causa del suo abbigliamento riconsucibile alla propria area politica. Un gruppo di più persone lo ha allora circondato ed è partita l’aggressione. Buttato a terra, è stato preso a calci in faccia finchè non ha perso i sensi. Una volta svenuto gli aggressori lo hanno lasciato stare per concentrarsi sulle ragazze che lo accompagnavano, picchiate a loro volta.

Terminato il pestaggio il gruppo si è volatilizzato e i passanti hanno chiamato l’ambulanza. Le vittime sono state ricoverate e fortuantamente sono fuori pericolo. Esse hanno sporto denuncia ma non sono state in grado di riconoscere alcuno dei loro aggressori. La Polizia è però certa: si tratta di estremisti di sinistra.

Fonte

[ad_2]

fonte RN

Lascia un commento